i globuli bianchi e il Betto

Ciao,

il pensiero di questi giorni è soprattutto concentrato sui globuli bianchi ….perchè?

Fra gli effetti collaterali della chemio c’è l’abbassamento dei globuli bianchi e la loro mancata risalita comporta, se valutata, la necessità di non procedere con il trattamento nella frequenza prevista (questo è da tenere a mente per la mia funzione sul malessere…ci vuole anche un parametro collegato alla periodicità). Insomma na bella sfiga.

Stanotte ho sognato la fine del mondo: era annunciata, ero in campagna non mi ero attrezzata in nessun modo (e in che modo..perlatro?) ed ero da sola: improvvisamente si abbassava la luce del sole dell’80% e comciavano strani lampi e fenomeni naturali agghiaccianti. Poi mi sono svegliata. Du palline la testa…

Infine questo blog sta diventando dietro le quinte un fan club del Betto (Stefano, collega di lavoro): unico uomo che finora scritto più commenti che sono stati giudicati di estrema sensibilità dal pubblico femminile che chiede informazioni a gran voce ;- )…Betto è il tuo momento! Profitta!

buona domenicaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

4 pensieri su “i globuli bianchi e il Betto

  1. Betto

    Credo che una persona non sia migliore di altri ma che sia tu che rendi gli altri migliori….
    La sensibilità è una bella caratteristica… ma solo per gli altri… per se stessi, al contrario, non è una gran bazza…

    ps:
    peccato che vent’anni fa non si usavano questi strumenti.. mi sarei divertito un sacco…

  2. Betto

    Cara Lucia…. non te la tirare….. non sei certo l’unica ad aver sognato la fine del mondo…
    Se ricordo bene è stata annunciata per il 2012 (per la data precisa devo chiedere alla Silvana – mia madre – che è una fonte di “ottimismo”…).
    Per il resto…. Hai mangiato pesante?
    Dalla descrizione che hai fatto direi fagioli con le cotiche oppure una bella gamella di salsiccia con la polenta… Ti consiglio qualcosa di più leggero alla sera.

  3. fulvia

    cara lucia, il racconto del tuo sogno mi ricorda che il mio incubo ricorrente da bambina era proprio quello della fine del mondo. MI svegliavo angosciatissima e cercavo di riprendere i contatti con la realtà mettendo i piedi giù dal letto e facendo qualche passo.Poi ci sono stati film tremendi che si sono stampati nel mio immaginario e che hanno rinforzato queste belle scenografie apocalittiche:qualcuno ricorda i leoni di Quo Vadis? i marziani della Guerra dei mondi? e via dicendo…che sudori freddi!
    Poi diciamo che la vita ha pensato bene di sostituirsi ai film e di farne le veci, per cui non c’è più bisogno di accedere alla realtà filmica, basta gurdarsi un po’ attorno nel mondo…e considerare

    Guarda l’orario in cui scrivo, è lunedi mattina e forse questo vuol dire, nel senso che si apre una nuova settimana e bisogna ritirar fuori tutte le energie, quindi non stupirti di considerazioni così poco euforiche.Ma perfortuna siamo un po’Mister Hyde ed anche dott. Jekill, il nero sta insieme al bianco e lo esalta, insomma c’è l’uno e l’altro e sono da tenere insieme.Come ti dicevo sabato, per me la musica (o un bel libro)è un potente secchio di vernice che ridipinge la mia tela e così via i leoni, via i marziani, via il sole che si spegne e godiamo di oggi, del momento, di quel pochetto che oggi ci è dato..sguardo acuto, e magari se proprio la nebbia è fitta,aiutiamoci con un po’ di immaginazione. MI è venuta in mente una poesia di Emily Dickinson, te la scrivo:

    PER FARE UN PRATO

    Per fare un prato occorrono un trifoglio ed un’ape-

    un trifoglio ed un’ape

    e il sogno!

    Il sogno può bastare

    se le api sono poche.

  4. moira

    mo sigur ke schifezza! fatti coraggio Lu, cerca di resistere e nn dare soddisfazione alla bestia! oggi va meglio e domani ancora di più! xchè la cura deve andare avanti, ti devi operare e devi guarire! e ke diamine! come cambia velocemente la vita e come diventa tutto superfluo di fronte a stà sfiga!
    il 2012 se ci sarà la fine del mondo come hai sognato, ci sdraieremo in campagna con le braccia sotto la testa a guardare il cielo e magari ci faremo pure una sana bevuta e vaff…!

I commenti sono chiusi.