UT :-D

Ciao,

UT è un poco come US, ma solo nell’insolito acronimo. Sta per Ultima Terapia. Mentre l’Ultima Sigaretta di Zeno era un mantra pieno solo dell’improbabile volontà di colui che l’annotava, la mia Ultima Terapia è, al momento, proprio l’ultima. E non posso scegliere io, è così. Sarebbe stato bello poterla chiudere con tutti gli esami fatti, in realtà avrò venerdì l’eco all’addome e poi ancora l’rx torace e la visita oncologica.

Questa UT fa proprio uno strano effetto. Da quando ho cominciato a pensarci ho sentito che avrei dovuto trovare un modo di festeggiarla degno. Ma non è ancora nata sta festa, almeno non adesso.

Ho paura della fine? Del momento in cui il mio corpo dovrà reggersi da solo, andare avanti, funzionare senza generare voraci cellule impazzite, senza lasciarle vivere? Si un poco di fifa c’è in effetti. US si sceglie, UT no. Ma devo viverla e vedere come sto, che non tutto si può pensare e ragionare a priori. Avrei dannatamente bisogno di fare cose che “scaricano” ma di questo riesco a fare ben poco e anche forse con scarsa convinzione rispetto ai risultati (vedi vignetta del mitico Glasbergen… :twisted:). In questi giorni ogni tanto il cuore scantona, forse sente anche lui la fine del parapazùm… Però è anche vero che mi sono tornate le mestruazioni…credo che devo prenderlo come un segnale che il mio corpo è pronto per comportarsi bene.

Voglio festeggiare comunque: oggi sono andata dalla fioraia e ho prenotato un bel mazzo di gerbere tutte colorate e martedì me le faccio trovare a casa. Vorrei avere un “segno” con me, un qualcosa che esplicita che ho finito. Avete suggerimenti? Magari porto anche la macchina fotografica e faccio qualche foto? oppure…?? Non ho chiesto a nessuno di venire martedì ma so che mi mancherete all’ultimo nodo di questo filo…è che non mi accontento :mrgreen:  vorrei avervi tutti. Per questo una cosa ve la chiedo: mandatemi un sms martedì mattina!!!

Secondo un recente articolo di fisici australiani l’entanglement quantistico, impronunciabile caratteristica che lega in modo indissolubile particelle che si trovano a una distanza qualsiasi (alla faccia del limite della velocità della luce della relatività ristretta) si manifesta anche rispetto alla variabile tempo. E’ possibile quindi che siano legati indissolubilmente due qubit che si trovano in due momenti di tempo diversi, passato e futuro, senza che necessariamente uno abbia attraversato quanto c’è in mezzo. Anche noi siamo in fondo viaggiatori del tempo..nella sola direzione dal passato al futuro e senza possibilità di “saltare” da una parte all’altra. Parecchi mesi fa avrei voluto l’ibernazione per giungere ad un futuro che conoscesse cure definitive e non feroci..adesso prospettano addirittura il “salto” 😆

… alla fine di questa lunga, lunghissima risalita mi sa che ho solo bisogno di rendermi conto DAVVERO che ce l’ho fatta.

ciao

lu

PS per tutti quelli che leggendo questo post hanno pensato “mah..x me la Lu avrebbe bisogno di …” ecco, volevo dirvi che sono TOTALMENTE d’accordo con voi! il pinguino con cui dormo è simpaticissimo ma… :mrgreen:

Un pensiero su “UT :-D

  1. sofia

    Lucy, questa ricomparsa della fisica è molto interessante…, era da un po’ di tempo che non ci tenevi allenati… unica cosa è che stavolta non ho capito un piffero, ma mi fido. Mentre mi preoccupa il non aver capito nemmeno la battuta della vignetta, questo è grave. Se la telepatia funziona, prevedo un sovraffollamento, domattina = se sarai un po’ nel caos mentale, la causa di certo è questa, non allarmarti per nulla! Passo dopo passo,sei arrivata all’ultimo giorno di terapia, e noi assieme a te, con mucho gusto gustiamo la fine del countdown! Grazie di tutto il coinvolgimento, sperem che continui anche senza aver scadenze di cure! Ti abbraccio, sofi

I commenti sono chiusi.